Il pesca anguilla: storia, caratteristiche, classificazione, morfologia

0
240
significato e caratteristica dell'anguilla, anghille
significato e caratteristica dell'anguilla, anghille

L’anguilla, (Anguilla Anguilla) è una delle oltre 800 specie di pesci teleostei caratterizzati da corpi allungati simili a vermi. Comprendono le comuni anguille di acqua dolce e le voraci murene marine.

Caratteristiche generali

Indipendentemente dall’habitat finale, tutte le anguille probabilmente passano attraverso lo stadio leptocefalo, una fase larvale estesa, in oceano aperto. E subiscono metamorfosi a uno stadio giovanile: una versione più piccola dell’adulto.

A maturazione avvenute, le anguille hanno una lunghezza compresa tra 10 cm (Cyema atrum) e 3,5 metri (Thyrsoidea macrura). Le anguille si presentano a profondità considerevoli nella maggior parte degli oceani e sono molto diverse nei mari tropicali.

Essi variano dal colore grigio scuro o nero nelle specie di acque profonde a variopinte nell’Oceano Tropicale. Solo le anguille di acqua dolce, abbondanti e molto apprezzate come cibo, hanno valore economico.

Evoluzione, paleontologia e classificazione

Gli studi sulle poche e conosciute fossili e sull’anatomia comparata di adulti e larve suggeriscono che le anguille sorsero nel periodo Cretaceo (145,5-65,5 milioni di anni fa).

Le anguille discendevano da due o più tipi che avevano almeno alcuni caratteri degli Elopiformi (tarponi e parenti) e degli Albuliformi (pesci ossei).

Distinguere le caratteristiche tassonomiche

I personaggi importanti nel determinare la classifica tassonomica delle anguille comprendono il numero e la disposizione dei miomeri e dei raggi delle pinne.

Le posizioni di bocca, narici, aperture branchiali, vasi renali, cistifellea. E il numero e la disposizione dei denti, delle ossa del cranio e delle vertebre. Altrettanto importanti nell’identificazione sono le strutture larvali e gli schemi di pigmentazione.

Storia

Le anguille hanno un ciclo vitale notevole. In generale, consiste in:

  • sviluppo e crescita precoce
  • dispersione planctonica (libera-fluttuante) di uova e larve,
  • metamorfosi,
  • crescita giovanile e adulta
  • migrazione, in età matura, verso un’area di riproduzione

Le anguille condividono la fase leptocefale con diverse altre specie. Un uovo relativamente grande (fino a 2,5 mm di diametro), diventa rapidamente un leptocefalo. Che galleggia negli strati superficiali per due anni e mezzo prima della metamorfosi.

Inizialmente si pensava che i leptocefali fossero un gruppo distinto. Ma l’associazione agli Anguilliformi fu ben presto resa chiara da esemplari transitori che mostravano caratteri larvali e adulti. Così difficili da identificare che i nuovi tipi di larve sono stati catalogate come genere proprio. Anche se non possono essere considerati in maniera distinta dagli adulti che le hanno prodotte.

I leptocephali non sono rari nelle profondità. Una distribuzione che può essere associata alla disponibilità di cibo (diatomee e piccoli crostacei). I loro predatori includono vari pesci pelagici. Nelle anguille tropicali, la vita larvale va probabilmente da quattro a sei mesi. Ma le specie temperate possono trascorrere più di un anno come larve.

Durante questo periodo, in presenza di correnti adeguate, si disperdono ampiamente dall’area di riproduzione degli adulti. Un biologo danese Johannes Schmidt ha stabilito la storia delle anguille d’acqua dolce. Anche se alcune parti del suo lavoro sono state messe in discussione, la sua descrizione è ancora valida.

Dopo aver raggiunto la piena crescita, la larva inizia una rapida metamorfosi in cui il corpo subisce diversi cambiamenti. Il corpo diventa cilindrico e allungato. I denti larvali si perdono, il muso diventa arrotondato, la pinna dorsale ha origine più in avanti e scompaiono i melanofori larvali (cellule del pigmento nero).

Si verificano, talvolta, pure altri cambiamenti, come la perdita delle pinne pettorali o una riduzione della lunghezza del corpo. I leptocephali differiscono notevolmente dagli adulti. I cambiamenti metamorfici appaiono così evidenti che si fatica addirittura a trovarvi una correlazione. Alcune specie, importanti nel riconoscimento delle specie di anguille.

Questi includono il numero di segmenti muscolari (miomeri); lo sviluppo di raggi dorsali, anali e caudali; e le posizioni relative dei reni e della cistifellea. In molti leptocephali anche i melanofori larvali rimangono nello stadio giovanile.

La metamorfosi implica cambiamenti fisiologici, comportamentali e strutturali. In particolare riguardo alla modalità di vita presso acque profonde, poco profonde o dolci.

Dopo un periodo di crescita, entrano in un habitat totalmente nuovo. Dove forma e colore del corpo, meccanismi di alimentazione, sensi rivestono un ruolo chiave nella sopravvivenza.

L’invasione annuale delle acque dolci da parte è un processo noto a livello locale. Si verifica durante ottobre-marzo in Europa e in primavera in altre regioni temperate. Durante diversi anni di crescita fino alla maturità, le anguille sono essenzialmente carnivore. Si nutrono di animali planctonici o bentonici (che vivono sul fondo).

La maturità è raggiunta dopo circa 10 anni nell’anguilla europea d’acqua dolce, ma probabilmente molto prima nelle specie marine tropicali. Il processo di crescita e maturazione è stato studiato più da vicino nell’anguilla europea d’acqua dolce. In questa specie, entrambi i sessi passano attraverso fasi successive di neutralità.

Femminilizzazione precoce e ermafroditismo giovanile prima di diventare definitivamente maschio o femmina. Essendo il sesso determinato principalmente da fattori ambientali. Tutte le anguille, una volta maturate, apparentemente migrano a breve o lunga distanza. Queste aree sono generalmente situate sul versante continentale o nei bacini oceanici a qualche metro dalla costa.

Durante la loro vita giovanile e adulta, la maggior parte delle anguille sono pesci solitari. Che nuotano lentamente per mezzo di sinuosi movimenti laterali del corpo e delle pinne mediane.

Alcune specie scavano rapidamente, usando una coda appuntita e movimenti del corpo all’indietro. Occupando crepacci oppure costituendo formano vasti gruppi nelle zone tropicali della barriera corallina.

Forma e funzione delle anguille

Un’anguilla si distingue esternamente dalla maggior parte degli altri pesci per il suo corpo allungato, che raramente viene compresso lateralmente. Una pinna dorsale, anale e caudale prosegue intorno alla punta della coda.

Le pinne pelviche sono sempre assenti, le aperture di branchia sono generalmente ridotte. Il rivestimento del corpo è generalmente privo di scaglie. Leggere discrepanze si verificano nelle varie famiglie di anguille, correlati ai diversi modi di vivere.

Anguilla nordamericana

Tipicamente, un leptocefalo è allungato, compresso lateralmente, trasparente e gelatinoso. Con miomeri prominenti a forma di W e affilati denti larvali diretti in avanti. A piena crescita, le larve di anguilla sono lunghe da 5 a 10 cm. Ma possono essere molto più grandi, 45 cm nel caso del Nemichthys scolopaceus.

I leptocephali differiscono morfologicamente dagli adulti. Alcuni sono filamentosi, altri rotondeggianti. Le pinne pettorali e mediane sono presenti nella maggior parte dei leptocefali ma possono scomparire durante la metamorfosi.

Gli occhi sono di solito di forma normale ma a volte sono telescopici. E il rostro (un prolungamento anteriore a forma di becco) può essere notevolmente esteso in avanti dal muso.

I visceri attenuati si trovano lungo l’aspetto ventrale, al di sotto dei miomeri. Di solito c’è un intestino non modificato dritto e lo sfiato anale è spesso davanti alla coda. In alcune famiglie l’intestino larvale è gonfio o festonato in vari punti lungo la sua lunghezza, una modifica di significato sconosciuto.

Un lungo fegato, con una cistifellea ben definita, si presenta anteriormente su entrambi i lati dell’intestino. Il rene adulto in via di sviluppo si trova a circa metà lunghezza. Gli organi vengono forniti e drenati da molti vasi sanguigni verticali, di cui gli ultimi uno o due sono i più grandi. La posizione dell’ultimo di questi vasi equivale bene alla divisione tra vertebre caudali e precauzionali. Indicante la posizione approssimativa del rene adulto.

Nella maggior parte dei leptocephali i melanofori si presentano quasi ovunque sul corpo o nel corpo. Questi variano da minuto e compatto a grande e di forma irregolare, spesso distribuiti lungo l’intestino e lateralmente in una varietà di modelli.

Negli adulti c’è una forte tendenza alla riduzione o alla perdita di pinne e una razionalizzazione del profilo. A volte anche con un’attenuazione del corpo. La regione branchia è allungata da uno spostamento posteriore degli archi branchiali, accompagnato dalla separazione della cintura pettorale dal cranio.

Esistono placche dentali faringee ben sviluppate e la faringe ha assunto un’importante funzione nel movimento del cibo nell’esofago. Serve anche come pompa efficace nell’assenza virtuale di aspirazione da parte dei coperchi delle branchie per il passaggio della corrente respiratoria.

La serie opercolare è molto ridotta, sebbene numerosi raggi branchiostegali curvi (supporti branchiali interni) siano fortemente sviluppati per supportare la parete lunga della gola. La respirazione attraverso la pelle è importante in Anguilla e probabilmente anche in altre forme.

Anguille europea

L’anguilla europea (Anguilla anguilla) ha un ciclo di vita molto insolito e affascinante. Gli adulti hanno corpi lunghi e stretti. La pelle è vischiosa, la mascella inferiore è più lunga della mascella superiore e le squame sono minime o assenti.

Il colore degli adulti dipende dalla loro età; sono spesso marroni, neri o verde oliva con pance gialle. Alcuni adulti possono essere argentei (“anguille d’argento”); le fasi del ciclo di vita differiscono notevolmente nell’aspetto.

Si riproduce in mare e migrando verso l’acqua dolce per crescere prima di tornare al mare per deporre le uova. È convinzione diffusa che nascano tutte nel Mar dei Sargassi.

Le larve, che sembrano foglie arricciate e sono conosciute come “leptocephalli”, si spostano nel plancton fino a tre anni. E sono trasportate dalla Corrente del Golfo verso le coste europee. Quindi subiscono la metamorfosi in giovani anguille. In questa fase sono conosciute come “anguille di vetro” perché trasparenti. Diventano di colore più scuro e iniziano a migrare in grandi quantità i flussi di acqua dolce. Conosciuti come “giovani anguille” misurano circa 50 millimetri di lunghezza.

Le anguille, ora chiamate “marroni” o “anguille gialle”, crescono nell’acqua dolce. Con maschi e femmine che spendono rispettivamente da 6 a 12 e da 9 a 20 anni in acqua dolce. Verso la fine di questo periodo, diventano sessualmente maturi. Di colore argenteo, migrano verso il mare in notti buie tempestose, senza luna.

Al ritorno, l’anguilla europea vive nel fango, nelle fenditure e sotto le pietre. La deposizione delle uova si verifica durante l’inverno e l’inizio della primavera nel Mar dei Sargassi. Questa è una specie molto longeva con una durata massima di 85 anni.

Questa anguilla è predata da uccelli, tra cui cormorani e gabbiani, oltre che da molti pesci. Sorprendentemente, possono sopravvivere fuori dall’acqua per diverse ore nelle notti umide. E viaggiare via terra in caso di pioggia.

L’anguilla europea è stata avvistata nei fiumi del Nord Atlantico, del Mar Baltico e del Mar Mediterraneo. Ma vive anche lungo le coste europee dal Mar Nero al Mar Bianco in Russia. Nuota spesso vicino alla riva.

La specie è attualmente minacciata e il numero degli esemplari è diminuito negli ultimi anni. Tuttavia, la causa deve essere ancora identificata. A ogni modo, l’inquinamento, lo sovrasfruttamento, il degrado dell’habitat, l’infezione parassitaria e i cambiamenti climatici appaiono cause plausibili.

L’Unione europea sta attualmente finanziando ricerche che mirano a scongiurare l’estinzione.