Pesce gatto: definizione, caratteristiche fisiche, dimensioni

1
136
il pesce Gatto
il pesce Gatto

Pesce gatto (Ameiurus melas) è un gruppo eterogeneo di pesci. Sono chiamati così per i loro prominenti barbigli, sottili organi tattili simili a baffi vicino alla bocca. Che esteticamente ricordano i baffi felini.

Sono molto diversi tra loro, con quasi 3.000 specie conosciute. Si trova principalmente in ambienti di acqua dolce, in tutti i continenti tranne l’Antartide. Alcune specie delle famiglie Ariidae e Plotosidae nuotano anche in ambienti marini. Sotto questa classificazione figurano il candiru (pesce stuzzicadenti), l’unico parassita dei vertebrati ad attaccare gli umani. Così come il pesce gatto gigante del Mekong, il più grande pesce d’acqua dolce segnalato.

Non tutte le famiglie di pesci gatto hanno prominenti barbigli. Ciò che lo definisce come tale sono alcune caratteristiche del cranio e della vescica natatoria.

Caratteristiche fisiche

A differenza della maggior parte dei pesci, non hanno scaglie. Di solito hanno una pinna adiposa (pinna posteriore carnosa e senza raggi) e raggi simili a spine. La pinna dorsale ha solitamente due spine, prima delle quali molto corta. Può avere come non avere ossa. Normalmente, si contano fino a quattro paia di barbigli sulla testa: due sul mento, uno nasale e un mascellare. Ma i barbigli nasali e mentoni possono essere assenti. La mascella è sdentata.

Alcuni pesci gatto sono noti per comunicare tra loro. Ci sono alcune specie che usano un metodo noto come stridulo per produrre suoni comunicativi. Come il pesce gatto marino, che ha la base della pinna pettorale che sfrega contro la cintura pettorale per produrre suoni. Altri fanno uso di un apparato elastico a molla o meccanismo modificato della vescica natatoria. Per mezzo di cui emettono suoni. La maggior parte esibisce livrea opaca.

Alcune specie possono infliggere punture dolorose con le loro spine. Per difendersi utilizza una pinna dorsale velenosa. Nei membri Plotosidae e Heteropneustes, è così forte da poter costringere al ricovero un essere umano. Le punture di Plotosus lineatus possono provocare la morte. In molti pesci gatto, tali pinne rimangono eventualmente anche aperte e bloccate in posizione.

La maggior parte sono pungiglioni passivi, ma Heteropneustes fossilis dell’India è aggressiva, con registrazioni di attacchi agli umani. I siluriformi sono monofiletici nel loro sviluppo della mascella superiore. Che è in grado di muovere e sostenere i barbigli dei pesci gatto. Il pesce gatto può vivere fino a 60 anni a seconda del luogo e delle specie.

Organi sensoriali del pesce gatto

Ben sviluppati, ricoprono il corpo. L’apparecchio acustico, che rileva vibrazioni, è nella sua vescica natatoria, indipendente dall’orecchio interno. Una serie di ossa vertebrali conosciute come l’apparato weberiano, collegano la vescica natatoria e l’orecchio interno. Suoni troppo morbidi per essere ascoltati dall’orecchio interno vengono raccolti con piccoli pori trovati lungo la lunghezza del pesce. Questi pori possono anche essere trovati intorno all’occhio del pesce, sulla mascella inferiore e sulla testa. Specie di peli all’interno dei pori agiscono come l’orecchio interno.

Quando si muovono nell’acqua provocano la stimolazione delle terminazioni nervose. Mediante questo sistema, il pesce gatto può localizzare la preda e trovare altri simili. La linea laterale può rilevare creature in superficie, permette di nuotare attraverso l’acqua e persino camminare sulla riva. Anche il più piccolo della specie può avere 250.000 papille gustative che ne ricoprono il corpo.

Addirittura in Cina vengono utilizzati per rilevare in anticipo i rumori sotto la crosta terrestre. La parte posteriore degli occhi, ricoperta da uno strato di cristalli, riflettono la luce consentendo una visione eccellente. Ciò consente al pesce gatto di essere un astuto cacciatore.

Le dimensioni del pesce gatto:

Il Phractocephalus hemioliopterus, più comunemente noto come pesce gatto dalla coda rossa, si trova solo in acque dolci. A causa delle imponenti dimensioni, è considerato adatta per pescare. Giovani, sono comunque spesso disponibili come pesci da acquario.

Dal colore grigio al bianco e privo di strisce, il pesce gatto gigante del Mekong si distingue dalle altre grandi specie per la quasi totale assenza di barbigli e l’assenza di denti.

Attualmente è inserito nel Guinness World Records come il più grande pesce d’acqua dolce del mondo: 3 metri, comunque non ancora confermati. In sei anni cresce in maniera esponenziale, raggiungendo una massa di 150-200 kg. Stando ad alcune voci, può pesare fino a 350 kg.

Come rientrano nella numerosissima famiglia minuscoli parassiti, i candiru, noti per attaccare gli umani. Il pesce siluro raggiunge 4 metri di lunghezza e 180 kg di peso: è l’unico specie di pesce gatto nativo conosciuta in Europa.

Nella mitologia e letteratura il pesce gatto viene descritto con proporzioni sorprendenti, ma questo non è stato scientificamente dimostrato.

La dimensione media si aggirano intorno ai 1,2-1,6 m, e i pesci di oltre 2 m sono molto rari. I campioni più grandi registrati misurano più di 2,5 m di lunghezza e talvolta superano i 100 kg. Il pesce gatto nero fu introdotto in Italia, Gran Bretagna, Spagna, Grecia e altri paesi nel secolo scorso. Fiorito nei caldi laghi e fiumi dell’Europa meridionale.

I fiumi Po, Danubio ed Ebro (Spagna) sono famosi anche per questo. Questi habitat contengono cibo in abbondanza e mancano di predatori naturali.

Abitudini riproduttive delle uova

Molte specie si riproducono una volta all’anno, con una maturità sessuale che va dai tre ai cinque anni. Negli allevamenti, il tempo medio diminuisce. Il maschio costruisce un “nido” in banchi di fango lungo fiumi, torrenti, laghi o stagni. Protegge anche le uova e i piccoli. Questi comportamenti genitoriali sono comuni in molte specie di pesce gatto.

Il pesce gatto a testa piatta può deporre fino a 100.000 uova durante un ciclo di deposizione delle uova. Dopodiché si schiudono entro cinque o dieci giorni. Una volta accaduto ciò, il nascituro ha una sacca simile che li nutre per due o cinque giorni finché non sono completamente sviluppati. Poi nuotano e si tuffano nell’aria, che riempie la loro vescica natatoria e aiuta a regolare la loro galleggiabilità.

Tassonomia

I pesci gatto appartengono al phylum Chordata, al subphylum Vertebrata, alla classe Actinopterygii, all’ordine Siluriformes e al sottordine Mematognathi. Anche il pesce gatto appartiene al superordine Ostariophysi, che comprende anche i Cipriniformi, i Characiformi, i Gonorynchiformes e i Gymnotiformes (anche se in alcuni luoghi Gymnotiformes è un sottordine dei Siluriformes). Nelson, nel 1994, nel suo libro Fishes of the World (terza edizione), elencava 34 famiglie di pesce gatto, con circa 412 generi e 2.405 specie.

Il database Catalog of Fishes elenca 2.855 specie conosciute di pesci gatto. Alcuni riconoscono attualmente 37 famiglie di pesci gatto, anche se questo numero varia in base allo schema tassonomico.

Nel giugno 2005, i ricercatori hanno nominato una nuova famiglia di pesci gatto, Lacantuniidae. Solo la terza famiglia di pesci scoperti recentemente negli ultimi 70 anni: gli altri corrispondono al ​​coelacanth e lo squalo bocca grande. La nuova specie in Lacantuniidae è stata trovata nel fiume Lacantun Chiapas, in Messico.

Pesce gatto come cibo

Dalla carne dolce e mite, è importato in tutto il mondo. Negli Stati Uniti sudorientali, è un alimento estremamente popolare. Un piatto particolarmente apprezzato consiste nell’impanatura con farina di mais e fritto.

I pesci gatto sono allevati in climi caldi, economici e cibo sicuro per i negozi di alimentari locali. In Asia, molte specie vengono tenute in alta considerazione. Insieme all’Africa alleva Clariidae e Pangasiidae in misura significativa.

Pesce gatto come pesce d’acquario

Esiste un grande e crescente commercio. Con centinaia di pesce gatto, in particolare il genere Corydoras, molto popolare. Questi sono comunemente noti come cory.

Inoltre, si trovano nel commercio di acquari i pesci ventosa, Aspredinidae e Acanthodoras spinosissimus.

Pericolo in agguato

Il pesce gatto che cammina è una specie invasiva nata in Florida. Rappresentante del genere Ictalurus sono stati introdotti erroneamente nelle acque europee nella speranza di ottenere una risorsa sportiva e alimentare.

Tuttavia, ha solo aumentato la pressione ecologica sulla fauna autoctona. I pesci ventosa, rilasciati dagli appassionati di acquari, si sono stabiliti in varie acque calde in tutto il mondo. Hanno degradato gli habitat, riducendo la biodiversità e portando malattie.

1 commento

Comments are closed.